Oggi i bambini associano le mascherine all’ansia e alla paura. Come noi. E’ importante aiutarli a sciogliere questa emozione e soprattutto a non affrontarla in solitudine. Come fare?  

Per prima cosa bisogna aiutare i bambini a riconoscere le emozioni, a condividerle e a legittimarle. Esprimendo le nostre a voce alta, dopo averle filtrate con consapevolezza: “la mamma si sente un po’ spaventata…”. Se siete in difficoltà a farlo potete iniziare leggendo storie con protagonisti che affrontano situazioni simili. Ce ne sono moltissime perciò non vi perdete d’animo e leggete ai vostri bambini senza timore: è un rimedio a tutti i mali e non ha controindicazioni.

Una volta riconosciute le emozioni, occorre spiegare ai bambini che nessuna emozione è sbagliata, ci sono solo comportamenti sbagliati. Raccontando anche di noi. La condivisione è un elemento fondamentale della relazione educativa: si impara anche così, mettendosi nei panni degli altri. Gli adulti devono essere consapevoli e fare attenzione: non bisogna scaricare addosso ai più piccoli emozioni grezze, non elaborate, che potrebbero travolgerli.

Mettere la testa sotto il tappeto per far finta di niente non funziona: i più piccoli hanno antenne incredibili che captano tutto! Percepiscono la realtà, non il nostro racconto della realtà. E se bariamo se ne accorgono: meglio evitare.

Allora, in sintesi, cosa fare per esorcizzare la paura delle mascherine e quindi della malattia?

Diamo modo ai bambini di rilasciare le emozioni negative, che tolgono energia e ritornare alle emozioni positive, che ci danno energia, usando la creatività e il gioco.

Fare le mascherine in casa per sé e per i propri familiari è un’ottima occasione per sperimentare un’abitudine “a cambiare il veleno in medicina”: una lezione per la vita.

Possiamo iniziare costruendo e personalizzando a piacere le nostre mascherine. Il lavoro manuale, l’uso del disegno e dei colori, con la compagnia di persone che ci vogliono bene ci aiutano ad elaborare e integrare le esperienze di questi giorni. Stando molto attenti a seguire il ritmo e il tempo dei bambini, non il nostro.  La mancanza di fretta aiuterà il bambino a godersi ogni passaggio. Poi potremo, per esempio, giocare con loro per “mascherarsi” a casa.

Ampliando il gioco con veri e propri travestimenti: faccio il medico, l’infermiere, il mago delle pulizie. La mamma fa la paziente. La dottoressa. Guida l’ambulanza.

Poi lo faccio io… La drammatizzazione in scenette è utilissima per cambiare umore e integrare tutte le emozioni in gioco. Vi farà pensare. Vi farà ridere. Vi farà emozionare. E vi sorprenderete. dei risultati.

Trovi qui il video tutorial per realizzare le mascherine

Approfondimento: La lettura condivisa

Leggi anche
Bambini e lockdown

Irritabile, capriccioso, svogliato, ma più affettuoso con genitori e fratelli. È quanto emerge dai primi risultati di un’indagine..

Leggi di più
Coronavirus e bambini: nuova intervista con il dottore Antonio Clavenna

Quali sono i dubbi e le preoccupazioni riguardo la salute dei bambini? Approfondiamo con nuove domande nella seconda intervista..

Leggi di più
BAMBINI FASE 2 Al via il primo polo educativo sperimentale all’aperto con la supervisione dell’Istituto Mario Negri

Oggi vogliamo presentarvi il primo progetto educativo sperimentale all’aperto realizzato dal Comitato Scientifico della Cooperativa Sociale Eureka con..

Leggi di più